Categoria: start up sociali

Le app per facilitarci il viaggio e la vacanza

Le app per facilitarci il viaggio e la vacanza

Lucifero con il suo getto di fuoco ormai è lontano, e ci possiamo finalmente godere un po’ di tregua e giorni di fresca brezza e aliti di vento, in attesa di Polifemo che porterà una nuova ondata di caldo direttamente dal Sahara e dall’Africa. Però ora lascio i succinti vestiti della meteorina e ritorno ad indossare i panni della blogger per presentarti queste app per facilitarci il viaggio e goderci finalmente la vacanza, dopo averla organizzata in ogni minimo dettaglio: PackPoint, Take My Things, BabyGuest, PetMe, MEDMap.

Continua a leggere “Le app per facilitarci il viaggio e la vacanza”

Le app per il turismo accessibile

Le app per il turismo accessibile

Lucifero imperversa ancora, infuocando ed incendiando le temperature ed appannando le idee della gente sempre più sciolta come ghiaccioli al sole. Per il nostro appuntamento del giovedi con le app per diventare turisti glamour e tecnologici e per organizzare al meglio uscite e vacanze in questa bollente estate targata 2017, quest’oggi vediamo alcune start up a vocazione sociale che mettono la tecnologia al servizio delle disabilità per rendere il turismo accessibile.

Prenotare le vacanze in tutta sicurezza in strutture ricettive con accessibilità, evitare barriere architettoniche in luoghi urbani ed extraurbani, scegliendo i percorsi migliori, grazie a Bookingbility, Village For All e Kimap. Continua a leggere “Le app per il turismo accessibile”

WISE: la start up biomedicale per la cura del dolore cronico

WISE: la start up biomedicale per la cura del dolore cronico

 L’incapacità di svolgere le più banali azioni nella vita quotidiana, i tremori, il dolore che ti piega in due e ti smorza il fiato che solo chi lo prova può capire, grazie alla tecnologia, non invasiva, può essere messo a tacere e permettere a chiunque il sacrosanto diritto di vivere una vita dignitosa. WISE, start up milanese biomedicale fondata nel 2011, punta a commercializzare l’Elettrodo Corticale e sta completando la marcatura CE. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

Continua a leggere “WISE: la start up biomedicale per la cura del dolore cronico”

Movendo Technology: la start up della riabilitazione robotica

Movendo Technology: la start up della riabilitazione robotica

Il post operatorio e la riabilitazione hanno sempre tempi lunghi. Ad esempio per un’operazione al ginocchio per i tendini compromessi a causa di movimenti sbagliati o per l’usura, occorre tanta pazienza e buona volontà per il periodo riabilitativo. Si deve rieducare il ginocchio per poterlo piegare di nuovo correttamente, bisogna quindi impegnarsi in esercizi costanti, tanta ginnastica con cyclette, tapis roulant, ma anche massaggi, e poi iniziare a camminare anche con l’ausilio di una stampella fino a riacquisire una quasi normale estensione del ginocchio e della gamba.

Ma la riabilitazione acquista un nuovo senso grazie alla tecnologia robotica della start up Movendo Technology che ha sviluppato Hunova, che mette insieme le conoscenze della robotica umanoide dell’Istituto Italiano di Tecnologia con quelle ingegneristiche e mediche per specializzarsi nel campo neurologico, ortopedico, geriatrico e sportivo. Continua a leggere “Movendo Technology: la start up della riabilitazione robotica”

Con la start up Splitit la colletta diviene digitale

Con la start up Splitit la colletta diviene digitale

Oggi ti voglio raccontare una storia fresca, solare e positiva come la primavera che è appena iniziata. La storia di un “cervello in fuga” che dall’Australia ritorna nella sua terra, la Sicilia, con un’idea brillante, innovativa e vintage nello stesso momento. Ricordi il classico “barattolo” di vetro, anche se poi sono “impazziti” fantasiosi salvadanai tra cui la forma più diffusa è il “porcellino” (secondo la tradizione cinese e indonesiana indica l’abbondanza e da noi, del maiale non si butta via nulla) dove mettere i propri “spicci” ed accumulare i risparmi? Partirò proprio dal concetto che esso incarna e mi soffermerò sul funzionamento di Splitit e della sua piattaforma per creare collette 2.0.

Continua a leggere “Con la start up Splitit la colletta diviene digitale”

Find your Doctor: la start up che collega dottori di ricerca e aziende

Find your Doctor: la start up che collega dottori di ricerca e aziende

Ho lavorato al fianco di dottori di ricerca e ne ho intervistati diversi quando ero alla webradio dell’università e sono tanti che vivono in una situazione altamente precaria, dopo essersi tanto specializzati: non riescono ad inserirsi nel tessuto universitario né molto spesso al di fuori degli ambienti accademici. Ma dall’altro lato spesso le aziende e le piccole medie imprese hanno difficoltà nell’investire in innovazione e mancano le competenze interne ed hanno difficoltà a reperirle. Manca da sempre quel ponte comunicativo che mette in connessione le aziende e il mondo della ricerca accademica e in questo gap si pone la start up a vocazione sociale Find Your Doctor.

Continua a leggere “Find your Doctor: la start up che collega dottori di ricerca e aziende”

La start up Holey: quando l’ortopedia incontra la tecnologia 3D

La start up Holey: quando l’ortopedia incontra la tecnologia 3D

Si può dire addio al gesso in caso di frattura. Niente più prurito, niente più peso da spostare e portasi in giro, ma facilità di farsi una doccia e nessun cattivo odore. Anche l’ortopedia è stata inondata dalla tecnologia e dall’innovazione rendendo più confortevole anche l’esperienza di una frattura.

Grazie alla stampa 3D è arrivato il momento di mandare in pensione definitivamente il fastidiosissimo gesso. La start up medicale Holey realizza gessi funzionali e tutori correttivi che sono leggeri, ipoallergenici, non invadenti, resistenti all’acqua e personalizzabili in diversi colori e modelli esclusivi ed utilizzabili per immobilizzare gli arti e per la riabilitazione.

Continua a leggere “La start up Holey: quando l’ortopedia incontra la tecnologia 3D”

Voglio Ascoltare Una Storia e l’app digital made in Naples

Voglio Ascoltare Una Storia e l’app digital made in Naples

Adoro i bambini e mi è capitato di stare molto spesso con loro, ridiventando in un batter d’occhio una bimba anche io, divertendoci con poco e soprattutto attivando la fantasia trasformando ad esempio carte di caramelle o cioccolatini in nuove forme da cui nascono storie. Infatti, cosa chiede più spesso un bambino? Ascoltare una storia. Ma se si ha difficoltà ad accedere ai libri e alla lettura? L’associazione  Baby Fab Lab di Torre del Greco, in provincia di Napoli, ha lanciato l’idea per risolvere queste problematiche. “Voglio Ascoltare Una Storia” è un progetto che nasce dall’amore e dall’esperienza quotidiana con bambini e dalla passione per i libri, di Maria Antonietta Liccardi, neuropsichiatria infantile, e Lucia Avino, terapista della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva.

“Voglio Ascoltare Una Storia” va incontro ai bambini che presentano difficoltà a capire il reale significato delle parole, a leggere, a comprendere i concetti astratti o le emozioni, o che presentano difficoltà motorie, per offrire a tutti il diritto alla lettura e il piacere di scoprire ed ascoltare storie grazie ad uno strumento digitale. Continua a leggere “Voglio Ascoltare Una Storia e l’app digital made in Naples”

La Social Entrepreneurship (parte 3) + ebook

La Social Entrepreneurship (parte 3) + ebook

Dopo essermi focalizzata sul social entrepreneur e sulle teorie della social entrepreneurship, siamo giunti al nostro terzo ed ultimo appuntamento in questo mio approfondimento sulla social entrepreneurship. E per te che mi hai seguito per tutto questo viaggio, ti riservo una sorpresa alla fine di questo blog post: un e-book da scaricare gratuitamente.

Continua a leggere “La Social Entrepreneurship (parte 3) + ebook”

La Social Entrepreneurship (parte 2)

La Social Entrepreneurship (parte 2)

Dopo essermi soffermata, giovedì scorso, sul concetto di social enterpreneur, prendo ora in considerazione quello della social entrepreneuship che è apparso nella letteratura accademica nel 1991 e la maggior parte di essa si è concentrata sulle definizioni. Un articolo del 2010 di Peter Dacin, Tina Dacin e Margaret Matear prevedeva ben 37 definizioni. Ma dall’analisi della letteratura sostanzialmente emerge la messa in rilievo della missione sociale dell’imprenditorialità sociale che ha l’obiettivo di:  Continua a leggere “La Social Entrepreneurship (parte 2)”

Feat Food: la start up per mangiar sano

Feat Food: la start up per mangiar sano

Secondo un’indagine Coldiretti/ixe’ la stima dei costi per imbandire le tavole di Natale e Capodanno è di 4,4 miliardi di euro, il 2% in piu’ rispetto allo scorso anno ed in quasi quattro famiglie su dieci (39%) hanno scelto di regalare i tradizionali cesti con i prodotti enogastronomici tipici.

Ed ora, dopo i piatti ipercalorici, le abbuffate, i pranzi interminabili e gli abbondanti cenoni delle feste natalizie appena concluse, molti decidono di iniziare diete per ritornare in forma e la maggioranza cerca di rientrare in un regime alimentare più sano ed equilibrato. D’altronde siamo fatti di quello che mangiamo, il cibo incide sulla nostra salute e sul nostro umore e sul livello di concentrazione e può rivelarsi medicina per il corpo. Ecco una start up munita di un’online restaurant con un servizio di consegna a domicilio di piatti sani e bilanciati.

Continua a leggere “Feat Food: la start up per mangiar sano”

La Social Entrepreneurship (parte 1)

La Social Entrepreneurship (parte 1)

Come ti accennavo nel primo blog post dell’anno, dedicato ai nuovi propositi, ci saranno un po’ di appuntamenti per approfondire origini etimologiche, definizioni in divenire, caratteristiche e sviluppi del social entrepreneur e della social entrepreneurship. Quest’oggi mi soffermo anche sui corsi di laurea e gli eventi dedicati a questo nuovo ambito che si sta diffondendo sempre più. Iniziamo questo nuovo viaggio insieme, un po’ più “teorico” rispetto al solito, con la visione e le parole dell’imprenditore sociale, Bill Drayton:

“La sorgente più potente del mondo è la grande idea,

ma solo se è nelle mani di un buon imprenditore.

Così si può muovere il mondo.”

Continua a leggere “La Social Entrepreneurship (parte 1)”