I 10 sport più ricercati sul web secondo la start up OrangoGo

I 10 sport più ricercati sul web secondo la start up OrangoGo

È giunta l’ora di uscire dal letargo e mettersi in tuta e scarpette da ginnastica per della sana attività fisica, corsetta al parco con la primavera che fa capolino tra le giornate  fredde ed uggiose, una bella nuotata per rilassarsi, una rigenerante seduta di yoga, una bella carica di energia da scaricare con il kick boxing, o un’armonica lezione di danza. Mens sana in corpore sano dicevano i latini, ma ai tempi del digitale e dei social, quali sono gli sport più ricercati sul web? Si accettano scommesse e pronostici.

I top 10 sport sul web secondo OrangoGo

Il motore di ricerca degli sport OrangoGo, start up a vocazione sociale, che permette di scoprire tutte le attività sportive più vicine all’utente, filtrando per orario, età e disabilità e prenotare la prima lezione, ha stilato la classifica coi dieci sport più ricercati online nel 2018 che sorprenderà, capovolgendo tutti i pronostici.

OrangoGo il motore di ricerca degli sport_start up a vocazione sociale

Al gradino più basso della classifica si posiziona  il tennis che è riuscito ad essere scansato persino dal karate. All’ottavo e settimo posto si collocano ripetitivamente basket e pallavolo, da sempre in rivalità per conquistare i cuori degli atleti e dei ragazzi nella scelta tra le due attività.  Il nuoto, che permette di allenare e tonificare ogni muscolo del corpo, si posiziona al sesto posto, nonostante negli ultimi tempi siano state trasmesse in tv serie su tritoni e sirene e sul grande schermo imperversava Acquaman, il supereroe che sa nuotare a una velocità impressionante e comunicare telepaticamente con le creature acquatiche e che mette le sue capacità al servizio dei più deboli.

 

L’adrenalinico e divertente kick boxing conquista invece metà classifica, ed acquisendo sempre più consensi, preceduto dalla ginnastica con il 5,57% delle ricerche. Infatti kick boxing, innalza il livello di autostima e di fiducia in se stessi, è ideale per sfogare l’aggressività e l’energia in eccesso, imparare le tecniche di difesa e di attacco, e a respirare in modo corretto, ma soprattutto insegna il rispetto dell’avversario e la gestione della paura.

Lo sport da sempre più seguito e gettonato che unisce e mette d’accordo grandi e piccini, ma dividendoli spesso nei colori del tifo e sugli spalti, il calcio, si è inaspettatamente posizionato al terzo posto con un 8,01%.

Medaglia d’argento va allo yoga, disciplina di origini indiane che tende all’unione con se stesso, che si fonda sul respiro che può avere anche una valenza spirituale e spesso è associato ad uno stile alimentare più sano e all’agricoltura sostenibile. Praticare yoga rilassa corpo e mente, riduce stress, ansia, non a caso dominanti nelle società postmoderne ed iperconnesse, in cui si è sempre attivi e presenti anche nell’“altrove” del web, stimola la concentrazione, e la socializzazione vis-à-vis, ad esprimere meglio emozioni e stati d’animo.

A conquistare il podio e la medaglia d’oro, a sorpresa, è la danza, in termini percentuali 15,62%, raddoppiando quasi le ricerche che sono state effettuate per il calcio, ed è un’attività sportiva sempre più trasversale che piace indipendentemente dall’età e dal genere.

La danza infatti è una disciplina sportiva completa che  aumenta senso di armonia, benessere, musicalità e ritmo, tonifica i muscoli, aumenta la resistenza, migliora memoria, agilità, equilibrio e coordinazione.

Può aiutare a riprendersi dalle batoste della vita come nel film spagnolo “La tribù” in cui un dirigente diviene virale su YouTube, perdendo la reputazione e la memoria, ma comincia una nuova vita grazie al ballo che lo riconcilia con la sua vera madre e riacquista la memoria.

La danza aiuta a mettere in circolo nuove energie e ripristinando gioia e stabilità nelle vite difficili e allevia le tensioni. Infatti produce endorfine, antidoto per sconfiggere depressione, ansia e stress, restituendo il buonumore, evitando l’isolamento ed incentivando una ricca vita sociale.

Top 10 Sport 2018 sul web_OrangoGo

Ma come nasce il motore di ricerca degli sport OrangoGo?

La start up a vocazione sociale Sport Grand Tour, ideata da Giulia Pettinau, si ripropone di aiutare le persone a scoprire il proprio talento. Ma soprattutto, la start up torinese nasce con l’obiettivo di promuovere una vita sana ed attiva, in cui lo sport giochi un ruolo attivo nello sviluppo della forza fisica e della resistenza, aiutando ad affrontare limiti e paure, nel saper definire i propri obiettivi, nello sviluppare il proprio potenziale, nell’aumentare la fiducia in sé, la determinazione, la pazienza e nell’imparare a saper fare squadra e a rispettare le regole.

I 10 sport più ricercati sul web secondo la start up OrangoGo

La start up torinese ha assunto successivamente il nome dal motore di ricerca dedicato agli sport che ha creato e che consente agli utenti di cercare corsi e attività disponibili in città e paesi d’Italia: OrangoGo. A soli 18 mesi dal suo ingresso sul mercato, aderiscono oltre 11.000 tra associazioni e società sportive in oltre 1.200 Comuni di Italia. Attualmente sono 260  gli sport presenti su OrangoGo che riceve 35mila ricerche al mese.

Recentemente ha tenuto alla Milano Digital Week 2019, un workshop dedicato a come le start up e le nuove tecnologie contribuiscono al cambiamento urbano e permettono di conoscere e vivere al meglio le città sempre più smart ed interconnesse.

OrangoGo facebook_ sport_start up

Conclusioni

La start up a vocazione sociale si impegna quindi a combattere la sedentarietà tipica di quest’epoca imperniata di social e nuove tecnologie che porta ad obesità, malattie cardiovascolari, problemi di socializzazione, net-dipendenze e nei casi estremi ad eventi nefasti come Blue Whale e Hikikomori.

Lo sport deve essere praticato fin da piccoli ma non per diventare tutti campioni o atleti ma per socializzare, per apprendere a rispettare le regole e gli altri, ad accettare le sfide, a resistere alla fatica, a superare se stessi ed i propri limiti.

Ogni tanto si possono anche spegnere computer, portatili, tablet, abbandonare lo smartphone e lasciare le notifiche a loro stesse e praticare del sano sport, ne beneficerà la mente e la creatività e la concentrazione.

 

Per restare sempre aggiornato sulle novità ed avere contenuti esclusivi,
unisciti al canale Telegram e segui la pagina Facebook.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...