Tag: novità Facebook

Facebook: come avviare una raccolta fondi

Facebook: come avviare una raccolta fondi

Facebook, a distanza di due anni dal lancio negli Stati Uniti, ha introdotto anche in Europa ed in Italia gli “Strumenti di Beneficenza” e la possibilità di aggiungere il pulsante “Fai una donazione” alla Pagina, ai post o ai video in diretta, per raccogliere più facilmente donazioni e fondi per importanti cause, senza uscire dal social network.

Ma quanti donatori ci sono al mondo, quali strumenti e social utilizzano? E come avviare una raccolta fondi su Facebook?

Continua a leggere “Facebook: come avviare una raccolta fondi”

Facebook e le nuove features per le aziende: Workplace & Marketplace

Facebook e le nuove features per le aziende: Workplace & Marketplace

Mark Zuckerberg continua a rivoluzionare il social in blu, dopo la recente introduzione di Events from Facebook, pensa ai lavoratori, ai team e a quanto siano migliori e più produttive le aziende aperte, trasparenti, riflettendo su quanto sia importante conoscere le dinamiche della propria compagnia e che i dipendenti comunichino tra loro creando così maggior affiatamento.

Con le nuove feautures introdotte da Facebook è ora possibile ed è semplicissimo tenere separate vita privata e account di lavoro. Workplace offre alle aziende uno strumento di lavoro, simile al tradizionale e diffusissimo Facebook con il news feed, work chat, video call, live, gruppi, trends, eventi di interesse, like e reactions, traduzione automatica, ma senza alcuna distrazione proveniente da altre tipologie di contenuti, se non quello lavorativo. È possibile quindi interagire coi colleghi, iscriversi a progetti o a gruppi del team di lavoro e ricevere in tempo reale aggiornamenti. Creando l’account di lavoro, visibile solo ai colleghi, verranno automaticamente incluse nel profilo le informazioni fornite dal  datore di lavoro, ma sono personalizzabili immagine di profilo, di copertina e i dati.

Workplace è simile alle intranet aziendale che consentono di chattare e fare networking coi colleghi, anche in sedi diverse delle aziende, o con altre compagnie, e va a posizionarsi come competitor di social network aziendali come Slack, Chatter di Salesforce, Yammer di Microsoft, HipChat.

Workplace in azione

Inoltre c’è una dashboard che mostra le statistiche sull’attività svolta dai dipendenti sulla piattaforma: il numero degli attivi da desktop e da mobile, dei gruppi e dei contenuti prodotti per valutare l’utilizzo del software e la partecipazione aziendale.

manage-activity

Novità & Prezzo

Per la prima volta l’azienda di Menlo Park non si affida alle pubblicità e le informazioni condivise non saranno utilizzate a scopi pubblicitari e il controllo di queste ultime sarà affidato alle aziende stesse attraverso Api per la modifica, cancellazione e esportazione.

Inoltre per Workplace è previsto un prezzario. Iscrivendosi, si può effettuare un periodo di prova gratuita di 3 mesi, ma poi è da mettere in conto un costo di 3 dollari per utente al mese per le aziende con meno di 1.000 dipendenti e 1 euro al mese per le aziende con oltre 10.000 dipendenti. Per le organizzazioni no-profit e per il settore educational, invece, la piattaforma è gratuita.

In principio era Facebook at Work

Questa nuova piattaforma, pensata esclusivamente per le aziende, è un progetto a cui si stava lavorando già da circa un paio di anni ed era già utilizzata in versione beta con il nome di “Facebook at Work”.
Dopo le sperimentazioni di un migliaio di aziende, tra cui Royal Bank of Scotland con circa 30.000 dipendenti dislocati nel globo, Heineken, Deloitte, Danone e Starbucks, Workplace diventa accessibile a tutte le aziende. È stato anche presentato ufficialmente per la prima volta a Londra, dopo il monopolio degli Stati Uniti per le novità.

facebook-at-work-now-i-workplace

Marketplace: Facebook si apre all’e-commerce

Marketplace serve a mettere in contatto diretto venditori ed acquirenti, che si accorderanno tra loro in privato per le modalità di pagamento e di consegna dei prodotti.

Il capo del Project Management di Facebook, Mary Ku, ha spiegato che Marketplace è nato perché oltre 450 milioni di persone visitano ogni mese i gruppi di compravendita di Facebook, e così si è pensato di creare un luogo semplice ed efficace dove effettuare questi scambi. Attualmente questa nuova feauture è prevista solo sulla versione Facebook per smartphone ed è disponibile negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Australia e in Nuova Zelanda e successivamente sarà resa disponibile in altri paesi.

Per visitare Marketplace, basta toccare l’icona del negozio in fondo l’applicazione Facebook e iniziare ad esplorare in una home page profilata sui propri potenziali interessi. Inoltre prevede un motore di ricerca per trovare prodotti specifici e la possibilità di filtrare i risultati per categorie, prezzi e distanza geografica dei venditori. Se invece si vuole vendere qualcosa basta caricare una foto del prodotto, aggiungere descrizione, prezzo e la propria posizione, e pubblicare l’annuncio. Per cercare di evitare truffe, agli acquirenti interessati sarà possibile vedere alcune informazioni più dettagliate sui venditori, come il luogo in cui vivono e da quanto tempo sono iscritti al social network.

Marketplace è una nuova piattaforma di e-commerce che va a posizionarsi come diretto competitor di eBay, eBay Annunci, Subito, Amazon.