Content marketing: come creare un blog aziendale di successo [Infografiche]

Content marketing: come creare un blog aziendale di successo [Infografiche]

Ormai le pubblicità sono superate, gli utenti non si fidano più di esse ed occorre attirare l’attenzione attraverso quei temi e quei contenuti che cercano sul web, puntando sull’inbound marketing ed in particolare su una digital content strategy per aumentare il traffico web, la possibilità di farsi trovare e conoscere da un maggior numero di utenti e raggiungere nuovi potenziali clienti e fidelizzare i clienti già acquisiti.

Ma perché scegliere una strategia di content marketing? Come e perché investire in un blog aziendale? E come far crescere il proprio business?

Perché scegliere una strategia di Content Marketing?

I mercati sono diventati conversazioni, i clienti e potenziali clienti sono parte attiva nel “dialogo” e sono capaci di influenzare il mercato e le decisioni aziendali in merito ad aspetti del prodotto o logistici o di assistenza, interagendo direttamente con le aziende in un rapporto che è paritario.

Il content marketing costa il 62% in meno del marketing tradizionale, ma genera leads 3 volte maggiori. Inoltre il 69% dei marketers sostiene che il content marketing è molto più efficace del direct mailing e delle relazioni pubbliche ed il 72% di essi crede fermamente che contenuti prodotti dal brand abbiano più risultati delle pubblicità sui giornali, 41% delle grandi organizzazioni ha implementato strategie di content marketing, secondo alcuni dati di questa infografica.

Un’altra ricerca firmata dal Content Marketing Institute sulla gestione dei contenuti e sull’indagine strategica, rileva che il coinvolgimento avviene nell’89%  dei casi con la content creation, per l’84% per una strategia di content marketing e per il 77%  attraverso una content strategy.

2019-content-management-ricerca

Corporate blog: cosa è e a cosa serve?

Se il sito è la dimora digitale di un brand e serve a mettersi in vetrina, il corporate blog (o blog aziendale) serve a creare una narrazione condivisa e partecipata con il proprio target, intorno ai valori, ai prodotti e alla mission dell’azienda.

Il blog è un vero e proprio ponte coi propri clienti che pone l’azienda allo stesso livello del lettore e gli parla da pari, apertamente, spontaneamente, evitando l’“aziendalese”. Occorre creare e condividere contenuti che attirano, informano, aiutano, educano, risolvono un problema o un dubbio, supportano nel prendere una decisione e che intrattengono e divertono.

Non si può fare quindi a meno del blog aziendale dove implementare uno storytelling legato al proprio brand, incuriosendo, emozionando, ispirando e condividendo valori. E creare così un universo valoriale ed un’identità precisa del proprio brand: dal naming ai colori, dalle origini della propria storia alla genesi e allo sviluppo di un prodotto o di un servizio, mostrando anche il “dietro le quinte” della propria attività, i momenti che portano alla creazione dei propri prodotti, le persone che contribuiscono alle proprie attività. Ma accanto a questo storytelling delle emozioni deve coesistere una corretta strategia di blogging che crei contenuti informativi e di approfondimento e che siano d’utilità per il proprio target.

Inoltre il blog deve rientrare a sua volta in una adeguata strategia di web marketing. Deve andare ad armonizzarsi con le altre azioni digital del proprio brand.

Non basta scrivere un articolo per il blog, ma occorre ottimizzarlo per i motori di ricerca in ottica SEO, utilizzando keywords rivelanti per la propria azienda e soprattutto quelle che i propri clienti ricercano al momento in cui “googlano”. Inoltre occorre una corretta strategia di content distribution, ovvero i contenuti creati per il proprio blog devono essere condivisi sapientemente sui social e nei gruppi di interesse. E si deve far sentire la propria presenza costante attraverso newsletter, contenuti premium come ebook, white papers, podcast, infografiche di approfondimento, video o sconti inviati direttamente ai clienti acquisiti.

Content marketing: come creare un blog aziendale di successo_infografiche

Come far crescere il proprio business con un’adeguata strategia di content marketing?

Questa illuminante infografica realizzata da Dendrite Park, ci mostra come riuscire a creare una conversazione e una relazione con il proprio brand, attraverso contenuti rilevanti. Utilizza la metafora dell’albero che affonda le sue radici in una solida infrastruttura web, nella SEO e negli analitcs che alimentano il suo tronco che è il proprio sito web e capace di sostenere una folta e rigogliosa chioma che corrisponde a tutte le attività sui social network dell’azienda e che porta a convertire e vendere.

Come far crescere il proprio business con un’adeguata strategia di content marketing?

Il content marketing si deve quindi sviluppare anche sui social dell’azienda. Ecco alcuni spunti offerti da quest’altra infografica di Rebecca VanDenBerg per creare post di real time marketing o instant marketing con largo anticipo.

Come creare un corporate blog di successo?

#1. Stabilisci gli obiettivi del blog

Perché aprire un blog? Sarà integrato sul sito istituzionale o avrà un nuovo dominio?

Gli obiettivi devono essere ben chiari sin dall’inizio e devono integrarsi con l’intera strategia di marketing e comunicazione dell’azienda. Se si intende scegliere un nuovo dominio, il nome deve essere semplice da ricordare, accattivante e rispecchiare la propria mission ed attività.

#2. Definisci le buyer personas

Occorre individuare con precisione il proprio cliente tipo e indagarne le abitudini, in modo da poter rispondere alle sue problematiche e con un tono e un linguaggio specifico e coerente con il loro mondo.

#3. Benchmarking: analisi dei competitor

Occorre conoscere il mercato in cui l’azienda opera e identificare i concorrenti, i loro punti di forza e di debolezza, i prodotti e i servizi che offrono, la politica dei prezzi.

#4. Piano di comunicazione & Piano editoriale

Occorre inserire il blog aziendale in una più ampia strategia di web marketing e per questo è buona norma stilare il piano di comunicazione e poi procedere con il piano editoriale per stabilire argomenti, autori (se ci sono più firme), keywords, azioni di content distribution, sui social media, amplificatori del blog, ed eventualmente attraverso la newsletter.

#5. Crea contenuti collegati al proprio business

Rispondendo a dubbi, risolvendo problemi agli utenti e regalando risorse utili si conquista l’attenzione, la fiducia e l’affetto dei lettori e si crea seguito. Ma l’azienda deve saper anche comunicare la propria unicità, rendendo chiara la propria differenza rispetto ai competitor.

Scelto il topic, bisogna raccogliere materiale e fonti attendibili per sviluppare gli argomenti e ricercare immagini libere da copyright, passare alla stesura degli argomenti, inserendo anche cifre e statistiche per conferire affidabilità e validità alle argomentazioni, scegliendo accuratamente le parole chiave per ottimizzare il blog post, ma senza forzature, ricordandosi di inserire link sia interni che a siti esterni che preferibilmente si aprano in una nuova finestra. Il blog post infine deve essere accompagnato da un titolo irresistibile a prova di fuga.

#6. Racconta storie coinvolgenti

I brand iniziano a raccontare storie, i prodotti iniziano a diventare storie e il marketing diviene narrativo, ricordandosi di prediligere un approccio human to human: le persone sono il fulcro, che vanno conquistate con un tone of voice unico. E per promuovere le proprie storie  si può ricorrere alla condivisione sui social, alle digital PR, agli influencer di settore, o ricorrere alle campagne pubblicitarie a pagamento come AdWords di Google e Facebook ed Instagram Advertising, ed ancora affidarsi alle affiliazioni, senza trascurare l’e-mail marketing.

#7. Semplicità & chiarezza

Semplificare concetti e pensieri, fornire contenuti utili e scrivere attraverso la sensibilità e gli occhi del cliente tipo, genera fiducia ed è in grado di trasformare un contatto in un cliente reale ed interessato (lead generation). E più contenuti utili sono presenti nel blog, più visibilità ha l’azienda sui motori di ricerca e quindi significa conquistare nuovi lettori/clienti ed autorevolezza nel settore.

#8. Community & viralità

Occorre saper creare intorno al blog nel medio-lungo periodo, perseguendo una strategia basata sulla costanza, sulla continuità e sulla qualità, una community affezionata ed attiva che commenta, interagisce e condivide i blog post, divenendo ambassador” del brand.

#9. Misura i risultati

Per poter misurare i risultati occorre stabilire a priori le KPIs (Key Performance Indicators), cioè gli indicatori di performance, come ad  esempio i link in ingresso, l’engagement, il tasso di conversione, il numero degli share o dei nuovi iscritti alle newsletter.

Come creare un corporate blog di successo_Infografica by GioDiT

Per restare sempre aggiornato sulle novità ed avere contenuti esclusivi,
unisciti al canale Telegram e segui la pagina Facebook.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...